nntp2http.com
Posting
Suche
Optionen
Hilfe & Kontakt

Alex Zanotelli: raccolta firme per acqua pubblica

Von: L (parmenide_2002@yahoo.it) [Profil]
Datum: 06.05.2010 12:17
Message-ID: <4BE2985C.99761FAA@yahoo.it>
Newsgroup: it.economia it.politica it.cultura.filosofia
http://www.youtube.com/watch?vZgO6fdYQXE


==========================
i Beni Comuni fondamentali?
==========================

Acqua fuoco Terra Aria

Ma anche .. Conoscenza!

Intervista a Alex Zanotelli su come riorganizzare la società sul
concetto di non distruggere le specie viventi (come è il caso dei pozzi
di petrolio della BP al largo della Luisiana).

Vi diranno che è stata una disgrazia, un incidente, che si siano
distrutte tutte le specie acquatiche e poi coloro che si nutrivano di
esse e come ultimo anello della catena anche la specie umana.

Vi diranno che è stata una disgrazia, un incidente, che si siano
inquinate le falde acquifere e la gente muoia di tumore e altre malattie
da inquinamento ambientale.

E' _anche_ una *nostra responsabilità* -> "non permettere che i poteri
forti devastino il nostro pianeta", il giardino dentro cui avremmo
potuto progettare che NON vi fossero rifiuti, ma solo materie prime
progettate nel loro ciclo di uso con RIFIUTI ZERO.

Coloro che mettono in commercio i prodotti oggetto di commercio *devono
essere obbligati* ad assumersi la responsabilità di riacquisire i
prodotti dopo il loro uso. (Ad esempio recupero de "i contenitori" anche
nel caso di prodotti alimentari).

Ciò consente che si progettino i prodotti in commercio -già nella fase
di ideazione- "per la separazione e riutilizzo delle _materie prime_".

NON esistono i rifiuti (come necessità). Esiste la progettazione dei
cicli di uso e produzione.

========================================================
Nello specifico dei problemi di affidabilità e sicurezza:
========================================================

Se un pozzo di petrolio va in fiamme senza che sia possibile spegnerlo
.. significa che chi doveva controllare che la progettazione fosse a
tutela della affidabilità e tolleranza al guasto è stato corrotto
perché
la opera di agenzia di controllo NON E' STATA SVOLTA.



Ci può essere un uso criminale nella gestione della cosa pubblica.



Ma la colpa "non può essere buttata solo addosso a chi compie il reato"
-> perché la funzione pubblica -> "a dei delinquenti" -quando si
comportino come tali- è _anche_ una colpa di ciascuno che non ha svolto
azione di conoscenza e tolleranza della corruzione e della malversazione
e disinteresse per la cosa pubblica, e per la riflessione politica della
organizzazione sociale.





Alex Zanotelli invita, ci invita, a non alzare le spalle e a dire che
sono "tutti ladri"!




Chi non si sente un ladro e un criminale è nella condizione morale di
mettersi a disposizione perché possiamo avere tutti -e anche le
generazioni future- un futuro.

Insieme ce la possiamo fare.

E' la onestà che può rendere possibile il futuro e NON la mafia e la
criminalità organizzata.

Saluti

L

--
more info:
http://ondaviolatv.wordpress.com/

[ Auf dieses Posting antworten ]